PiccoliPiaceri Press News (@Freemilano.info)

Notiziario online di Angela Costa, Enrico Rasero e Patrizia Moretti

  • Accessi unici

    • 195.978 hits
  • marzo: 2014
    L M M G V S D
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
  • bgm

  • Archivi

Girls’ Kitchen: la ristorazione al femminile secondo restOpolis

Posted by Freemilano su 6 marzo 2014

In occasione della festa delle donne, restOpolis ha deciso di indagare l’universo della ristorazione al femminile. Ecco alcune storie di successo:

Girls’ Kitchen: la ristorazione al femminile secondo restOpolis

Milano, 6 marzo 2014 – In un recente sondaggio condotto in alcune delle migliori società della ristorazione tra cui il gruppo Batali-Bastianich (tra i leader per l’alta ristorazione), negli Stati Uniti il settore della ristorazione si sta tingendo sempre più di rosa. Il 30-50% dello staff delle cucine è infatti rappresentato da donne. E in Italia?

“Nella nostra esperienza abbiamo osservato che in proporzione al numero di uomini operanti nel settore horeca, l’altra metà del cielo è ancora una minoranza, sebbene in netto aumento”, spiega Almir Ambeskovic, Ceo & Co-Founder di restOpolis, servizio

leader in Italia per la prenotazione online di ristoranti anche via app. “Ci auguriamo di trovare sempre più donne nel settore anche perché spesso si dimostrano più ricettive alle novità e all’adozione di strumenti innovativi”.

In occasione della Festa della Donna, restOpolis (www.restOpolis.it) ha deciso di fare il punto raccogliendo le testimonianze di alcune delle Chef e Ristoratrici presenti sulla piattaforma. Ad ascoltare le loro esperienze, la differenza di genere non è valutata come un ostacolo, ma come un potenziale che arricchisce la cucina italiana.  

Cristina Bowerman
Dal 2006 alla direzione del Glass Hostaria, ha ricevuto numerosi premi: nel 2008 le due forchette dal Gambero Rosso e nel 2010 la Stella Michelin, unica donna per quell’anno. E’ anche titolare di Romeo Chef and Baker.

Io credo che non ci siano differenze legate al genere, la variabile che fa la differenza è sempre e comunque l’esperienza. La cucina italiana sta vivendo una fase di grande successo a livello internazione, nella quale le donne giocano un ruolo fondamentale. Personalmente sono l’esempio che essere Chef sia un obiettivo realizzabile per una donna. Non ho ereditato questo mestiere, ma l’ho scelto: sono entrata in un mondo maschile e ho incontrato lungo il cammino le stesse difficoltà di chiunque voglia intraprendere questa carriera. Ci sono state persone che mi hanno guardato con occhi diversi per il genere, ma ho abbracciato la filosofia del ‘non ti curar di loro, ma guarda e passa’. Chi fa una cucina di tutte donne applica lo stesso principio che stiamo combattendo, l’integrazione avviene solo lavorando insieme. Ho donne cuoche, ho uomini cuochi, non ci sono differenze in cucina per me, anche se c’è da fare “lavori pesanti”. Soprattutto all’inizio quello del cuoco è un lavoro che richiede forza fisica, pensa che io andavo in palestra e facevo i pesi!

Paola Tosi
Titolare e sommelier del Ristorante Il Ritrovo a Carate Brianza, inaugurato nel 2005 insieme al compagno e Chef Roberto Pirelli.

Nella storia la ristorazione è sempre stata un mondo maschile: solo in questi ultimi anni si può notare una leggera variazione verso le “quote rosa” (vedi la nascita di associazioni come “Le donne del Vino”), anche se non è una strada facile. Per quanto riguarda la mia esperienza, mi sono avvicinata alla ristorazione “per amore”, dato che il mio compagno è uno Chef. Con lui ho aperto 8 anni fa il “Ristorante Il Ritrovo”, sebbene fossi già orientata al settore, provenendo dal mondo dell’organizzazione di eventi. Con l’esperienza, ho capito che la gestione vincente del ristorante, almeno nel nostro caso, non si ottiene applicando una formula da manuale, ma seguendo i desideri dei nostri ospiti che ci chiedono accoglienza come fossero a casa loro e un servizio attento e cordiale. Personalmente, mi sento l’intermediaria giusta per ottenere il risultato perfetto e credo che per tali aspetti l’occhio, l’esperienza e il sesto senso di una donna sicuramente aiutano. Per quanto riguarda la vita privata, rassicuro tutte coloro che si avvicinano a tale professione. Sono mamma di un bimbo e di una bimba che nascerà alla fine di Marzo: incastrare tutto non è semplice, ma basta trovare collaboratori e collaboratrici che capiscano quali sono le basi sulle quali si lavora, renderli sensibili e proseguire al meglio! Tutto è possibile!

Tunde Pecsvari
Ungherese, 35 anni, da 18 vive a Milano. Sommelier diplomato AIS, la sua passione è il Brunello e tutti i vini di Montalcino. E’ Partner e sommelier dell’ Osteria Brunello e di Bento Sushi Restaurant.

La situazione delle donne che lavorano in cucina è identica a quella degli uomini: moltissimo sacrificio, disciplina, rigore, orari sfiancanti e poco tempo libero. Le difficoltà per tutti (anche per i titolari, uomini o donne che siano) sono rappresentate dallo stress fisico e mentale e dalla mancanza di tempo libero da dedicare alla vita privata. Le soddisfazioni, quando si lavora bene, sono tante: non c’è nulla di più gratificante che vedere gli ospiti soddisfatti di un piatto riuscito, di una bella serata e di un’esperienza memorabile. Per quanto riguarda la mia esperienza, non ho alcun preconcetto verso gli uomini o le donne, in cucina o in sala. Quando siamo alla ricerca del personale, l’ultima cosa che guardo in un curriculum è se è stato inviato da una donna o da un uomo perché proprio non importa. Contano gli studi, l’esperienza acquisita sul campo, la determinazione, la serietà, l’affidabilità. Ho sempre lavorato sia con donne che con uomini in tutti i reparti del ristoranti, non ho mai notato alcuna differenza tra l’approccio femminile e maschile. Alla fine la spunta chi è più professionale e competente.

Informazioni su restOpolis
restOpolis è un servizio onlineper la prenotazione di ristoranti, totalmente gratuito per gli utenti. Tramite il sito www.restopolis.com, gli utenti registrati accedono a informazioni e curiosità su oltre 800 ristoranti in Italia e possono prenotare un tavolo direttamente dalla piattaforma o con l’app geolocalizzata per iPhone e Android, conoscendo in tempo reale la disponibilità dei posti senza necessità di ulteriore conferma da parte del ristorante. La piattaforma è anche uno strumento di promozione per i ristoratori per ampliare il numero dei potenziali clienti.

Sito: http://www.restopolis.com
Facebook: www.facebook.com/RestOpolisIta
Twitter: @restopolis_com

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
Modeemodi Press

Blog Redazione di Mode&Modi a cura di Laura Cusari

Fifty shades of Reds

IF YOU LIKE IT, WEAR IT!

MilanoPressit

Arte Cultura Food Beverage Fashion Design Moda Bellezza Salute Benessere Spettacoli Cinema Musica Notizie Teatro

MilanoNews.biz

Testata online di notizie utili per milanesi e non

Bakeka Annunci Gratis

cerco,offro,regalo,immobiliari

Nero Piuma

Blog di una scrittrice

Fashioncloudette's Blog di Claudia de Matthaeis

Live your life with style.......!!!

Meet The Artists - Art Box

Impara l'arte e non metterla da parte. Anto.

viviennelanuit

Non si sale mica nella vita, si scende. Lei non poteva più. Lei non poteva più scendere fin dove ero io… C'era troppa notte per lei intorno a me.“

Cucina, Divertiti e Assaggia

la cucina di famiglia fatta col cuore

ROMY_MC

All Style by Romina Cartelli

La Vita Attraverso Cinema e Arte

La vita attraverso il cinema

versicolando

anonimo nottambulo pervado

Marcela YZ

Il mio mondo

«ma Milan l'è on gran Milan»

«Non è vero che sono brutta. Non è vero che sopra di me c'è sempre la nebbia. Non è vero che sono fredda e penso solo ai soldi. [..] Per chi mi avete preso? Io sono Milano. E sono una bella signora.» ~ Un giorno a Milano

Blamod

Notiziario online di Angela Costa, Enrico Rasero e Patrizia Moretti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: