PiccoliPiaceri Press News (@Freemilano.info)

Notiziario online di Angela Costa, Enrico Rasero e Patrizia Moretti

  • Accessi unici

    • 170.382 hits
  • novembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ott   Dic »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  
  • bgm

  • Archivi

“In Goude we trust”. E anche in Chanel

Posted by Freemilano su 28 novembre 2019

“In Goude we trust”. E anche in Chanel

FOTOGRAFIA

di Matteo Bergamini

Milano, 22/11/2019

Una curatissima mostra a Milano, a Palazzo Giureconsulti, promossa da Chanel, dedicata al grande regista e designer Jean Paul Goude


Chanel Fine Jewelry, installazione Les 5 Éléments, Le Feu. In collaborazione con Pierrick Sorrin, Parigi, 2001

Vanessa Paradis in una gabbia come un canarino, che lascia scivolare litri e litri di “Coco, L’esprit de Chanel” mentre il piano cinematografico si allarga a un tutto campo scoprendo lo spirito di Madame Coco appoggiata a una balconet francese, un attimo prima della sua dissolvenza in una nuvola di profumo. Era il 1991.

Sarah Jessica Parker, invece, in preda a un raptus per uno spruzzo di Chanel sfonda, con gli immancabili tacchi, la vetrina del brand su Place Vendôme a Parigi, e non desiste dal desiderio di una goccia di Chanel nemmeno di fronte al poliziotto, in una perfetta scena “Sex and the city”.

E poi “Chanel per l’uomo”, ovvero Égoïste, tra citazioni di Man Ray e una indimenticabile performance collettiva in palazzo da Croisette (in realtà una vera e propria scenografia, costruita in Brasile ad hoc) in cui una serie di donne bellissime sbattono le proprie finestre urlando “egoiste” a uno sconosciuto che posa il profumo sulla ringhiera del proprio balcone. Unico tratto della sua identità . Correva il 1990.

Basterebbero queste tre immagini per ripercorrere la storia della moda e del costume degli ultimi trent’anni, che probabilmente tanta incisiva perfezione – e tanta poesia e provocazione – attraverso uno spot pubblicitario, sono stati casi più unici che rari.

Ed è merito di Jean Paul Goude, e del suo universo creativo, ora in mostra a Milano a Palazzo Giureconsulti (in una mostra da lui stesso curata) dopo una prima tappa a Tokyo e in attesa di sapere quali altri metropoli toccherà.

Una mostra perfettamente allestita, promossa in toto da Chanel e dedicata all’uomo che ha portato l’immagine del marchio ad essere né più né meno un’icona mondiale durante gli anni ’90, la cui scia continua ancora oggi.

Nato nel 1940 alla periferia di Parigi, una carriera iniziata da Esquire a New York nel 1968, Goude è stato anche, oltre che compagno, il “creatore” dell’immagine indelebile di Grace Jones negli anni ’80. Vi ricordate Slave to the rhythm, per esempio, nel 1985? Nello stesso video fu “utilizzata” anche uno spezzone per la campagna pubblicitaria Citroën dello stesso anno, in cui Grace correva a bordo di una “selvaggia” CX2.

Blue Black in Black on Brown di Jean-Paul Goude (1981).

Ma Jean Paul Goude è anche la partita a bowling con i flaconi tondi di Chance, oltre ad una serie di disegni pazzeschi, realizzati a partire dal 1963 che a Milano vi aspettano all’ingresso della mostra (fino al 31 dicembre) e che raccontano (oltre di Grace e dei backstage) anche dei “Latini di New York”, piuttosto che della serie “The Queen of Seul”, realizzata in varie versioni dalla metà degli anni ’90 fino alla metà dei 2000. Ma Jean Paul Goude è anche i “manifesti in-situ” nel metrò di Parigi realizzati per Galerie Lafayette, nel 2001, fino alla campagna per Desigual lo scorso 2018.

“Libertango” (New York, 1981), disegno di un costume di scena, realizzato con pennarello e nastro adesivo.

Per finire, nel plebiscito di Palazzo Giureconsulti, un video che vi terrà inchiodati 90 minuti: So Far So Goude. Si tratta di una panoramica delle ispirazioni e della carriera di Goude, passando dall’infanzia francese all’incontro con Vanessa Paradis, appunto, e la scelta di metterla in gabbia.

Un’idea che fece storcere il naso a tutti, ma che ci consegnò l’immagine della Francia più glamour del secolo scorso.

Una iniezione di stile, che nella città della moda e dell’evento (non sempre all’altezza delle aspettative) era necessaria.

“In Goude we trust”!

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
Modeemodi Press

Blog Redazione di Mode&Modi a cura di Laura Cusari

Fifty shades of Reds

IF YOU LIKE IT, WEAR IT!

MilanoPressit

Arte Cultura Food Beverage Fashion Design Moda Bellezza Salute Benessere Spettacoli Cinema Musica Notizie Teatro

MilanoNews.biz

Testata online di notizie utili per milanesi e non

Bakeka Annunci Gratis

cerco,offro,regalo,immobiliari

Nero Piuma

Blog di una scrittrice

Fashioncloudette's Blog di Claudia de Matthaeis

Live your life with style.......!!!

Meet The Artists - Art Box

Impara l'arte e non metterla da parte. Anto.

viviennelanuit

Non si sale mica nella vita, si scende. Lei non poteva più. Lei non poteva più scendere fin dove ero io… C'era troppa notte per lei intorno a me.“

Cucina, Divertiti e Assaggia

la cucina di famiglia fatta col cuore

ROMY_MC

All Style by Romina Cartelli

La Vita Attraverso Cinema e Arte

La vita attraverso il cinema

versicolando

anonimo nottambulo pervado

Marcela YZ

Il mio mondo

«ma Milan l'è on gran Milan»

«Non è vero che sono brutta. Non è vero che sopra di me c'è sempre la nebbia. Non è vero che sono fredda e penso solo ai soldi. [..] Per chi mi avete preso? Io sono Milano. E sono una bella signora.» ~ Un giorno a Milano

Blamod

Notiziario online di Angela Costa, Enrico Rasero e Patrizia Moretti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: